Fluttuando tra mito e mondi ignoti: intervista ai Jalayan

Attivi dal 2017, propongono atmosfere musicali psichedeliche, ispirandosi a miti delle popolazioni antiche e ad atmosfere che rimandano ad altri mondi. Ecco i Jalayan

Ciao! Com’è nata la vostra band?

La band è stata fondata da Alessio Malatesta, che ha iniziato a scrivere alcuni brani che ha sottoposto al giudizio di amici, colleghi musicisti e semplici appassionati di musica. In seguito ai riscontri positivi ricevuti, ha deciso di cercare dei collaboratori che lo aiutassero a realizzare questo progetto. Dopo qualche prova e la registrazione di alcuni demo, la band si è proposta a diversi locali, dando così il via ad una stagione di concerti che la ha visto impegnata su vari palchi di Milano e hinterland. Il passo successivo è stata la registrazione del primo album Sonic Drive.

Avete definito il vostro gruppo come “ispirato dalle mitologie dei popoli antichi”. Vi va di approfondire questa vostra particolare caratteristica?

Abbiamo una grande passione per la mitologia, la storia, l’archeologia, ed in particolare per la teoria degli antichi astronauti (cioè la teoria che ipotizza un contatto tra civiltà extraterrestri e antiche civiltà umane sostenuta da autori quali Von Daniken, Kolosimo, Sitchin, Hancock, Biglino). Queste tematiche fanno capolino nei titoli e nelle atmosfere dei brani oltre che nell’immagine della band e nei visuals che accompagnano i nostri concerti.

Il vostro disco, Floating Island, è un vero e proprio viaggio sonoro
all’interno di tante atmosfere musicali, tra il rock e la psichedelia. State pensando di mantenere questa linea per i prossimi lavori o vorreste preparare qualcosa di totalmente diverso?

Sinceramente non ci siamo mai posti questo tipo di problema, le cose avvengono sempre in maniera molto naturale. Quello che posso dirti sicuramente è che continueremo a fare musica psichedelica, ovvero in grado di rivelare all’ascoltatore la propria anima attraverso la sperimentazione di una dilatazione della coscienza, di una alterazione della percezione della realtà, di un senso di comunione profonda con l’intero universo.

Quali sono i vostri artisti musicali preferiti?

I nostri riferimenti principali sono sicuramente da rintracciarsi nella scena musicale psichedelica inglese, ed in particolare in artisti quali Gong, Steve Hillage ed Ozric Tentacles.

Link per conoscere meglio i Jalayan

Facebook: https://www.facebook.com/Jalayan23

Spotify: https://open.spotify.com/artist/2Es67QyrqQOOWQxbuzxqpV?si=f2q1O94jQ2S9FA1d54L4yw

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...